Leggere i Tarocchi con le Carte Napoletane: significati e metodi



Sicuramente dentro ognuno di noi c’è il desiderio di leggere i Tarocchi da soli e sapere cosa accadrà nel futuro soprattutto in amore. Potete infatti fare i Tarocchi con le Carte Napoletane ma non pensate che sia più semplice. Anche questa è un’arte divinatoria antica che ha delle regole ben precise e ogni carta o coppie di carte hanno il loro significato.

Uno dei metodi più conosciuti e semplici è quello del nome.  Consiste semplicemente nel mescolare le 40 carte, estraendo le carte in base al numero di lettere di chi fa le carte o della persona amata. Questo dipende se la domanda è ben precisa o generica. A ogni estrazione, le carte dovranno essere rimescolate. Quindi, se il nome è composto da quattro lettere, dovrete fare una mescola e un’estrazione alternate per quattro volte. Una volta estratte, dovrete allinearle da sinistra verso destra. Fatto questo, si rimescolano le carte e dovrete estrarre la carta che vi darà l’esito finale che va posta al centro sotto quelle del nome. Invece, a formazioni di tre carte, prima sempre mescolandole, metterete tutte le altre fino all’esaurimento del mazzo sotto quella dell’esito.

Passiamo ai significati. Nelle carte di bastoni, l’asso significa che una risposta sarà positiva; il due, che ci sono preoccupazioni nella sfera lavorativa e preoccupazioni in generale; il tre invece riguarda un legame che unito al tre di spade significa, unione, con il due di spade, separazione; il quattro, preoccupazione, ansia e conflitto; il cinque, soddisfazione ma accompagnato da un asso di spade, potrebbe significare un blocco; il sei, viaggi; il sette, chiarimenti o chiacchiere, anche un figlio maschio; la donna: saggezza, donna matura, madre e nonna; cavaliere, viaggi in progetto, partenze, un uomo grande; il re, saggezza di un uomo maturo, padre, nonno.

Per i denari invece l’asso, significa gioia e felicità; il due, passione e amore, occhi; il tre, unione e passione, risposta positiva; il quattro, soldi in arrivo, moneta, e anche problemi in amore; il cinque, matrimonio, convivenza, unione duratura o l’amante; il sei, è il presente, lacrime e tristezza; il sette, viaggi, un amore lontano, figlia femmina; la donna, una donna mora, chi fa le carte, donna desiderata, affermazione; il cavaliere, uomo scuro, l’uomo che si desidera, il consultante, se uomo, affermazione; il re, uomo anziano, uomo che aiuta, fratello, padre.

Per le carte di coppe, l’asso significa casa o luogo di lavoro; il due, unione, fidanzamento, una coppia di innamorati; il tre, persone della famiglia, sentimenti o nascita di un figlio/figlia; il quattro, intoppo in famiglia e in amore; il cinque, parenti e convivenza, amicizia e incontri; il sei, passato e viaggi sentimentali; il sette, cuore, mente e desiderio; la donna, donna chiara, innamorata e donna desiderata; il cavaliere, novità positive, ragazzo scuro, uomo innamorato; il re, uomo maturo e bruno e l’uomo del cuore.

Per le carte di spade, l’asso è invece qualcosa di negativo, dolore, blocco; il due, divisione e sentimenti negativi; il tre, discordia, separazione, unione; il quattro, carcere, ospedale, pesanti difficoltà da affrontare; il cinque, lutto, funerale e dichiarazione: il sei, viaggi e inviti; il sette, dichiarazione; la donna invece, cattiva e autoritaria, donna sola, vedova o separata; il cavaliere, ragazzo che studia o in divisa, malelingue; il re, professionisti come medici, avvocati e uomini affermati.